Passò tutta la notte pregando Dio

Passò tutta la notte pregando Dio

28 ottobre 2021

SS. SIMONE E GIUDA

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)

Dio ti benedica !


Santi Simone e Giuda

S. Simone fu soprannominato Cananeo o Zelote per distinguerlo da S. Pietro e da S. Simone, che succedette a S. Giacomo il Minore nella sede vescovile di Gerusalemme.. continua S. Giuda, soprannominato..

>>> Continua a leggere su santodelgiorno.it

Apostoli



VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 6,12-19

In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio.

Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore.

Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante.

C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.


PAROLE DEL SANTO PADRE

Noi dimentichiamo spesso questo, che Gesù prega per noi. E’ la nostra forza questa. Dire al Padre: ‘Ma se Tu, Padre, non ci guardi, ma guarda tuo Figlio che prega per noi’. Dal primo momento Gesù prega: ha pregato quando era in terra e continua a pregare adesso per ognuno di noi, per tutta la Chiesa.

Queste sono cose di amore! L’amore non guarda se uno ha la faccia brutta o la faccia bella: ama! E Gesù fa lo stesso: ama e sceglie con amore. E sceglie tutti!  Nella lista, non c’è nessuno importante – fra virgolette – secondo i criteri del mondo: è gente comune.

C’è gente comune. Ma hanno una cosa – sì – da sottolineare in tutti: sono peccatori.

Gesù ha scelto i peccatori. Sceglie i peccatori. Gesù chiama tutti! Ricordiamo quella parabola delle nozze del figlio: quando gli invitati non sono venuti, cosa fa il padrone di casa?

Invia i suoi servi: ‘Andate e portate a casa tutti! Buoni e cattivi’, dice il Vangelo. Gesù ha scelto tutti! (Omelia Santa Marta –  9 settembre 2014)

Fonte: vaticannews.va


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

Pregare è prendere la rincorsa

“Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio”.

Se ci fermassimo anche soltanto a contemplare questa indicazione iniziale del Vangelo di oggi, ci accorgeremmo che la preghiera è un tratto decisivo nella vita di Gesù. La preghiera per lui non è semplice ritualità, ma è ossigeno, perché la preghiera di Gesù è relazione con Suo Padre. Gesù non si comporta da supereroe che non ha bisogno di nessuno perché dotato di un super potere che lo rende autosufficente rispetto al resto del mondo. Gesù mostra che il suo tratto vincente è nella relazione con Suo Padre, e per questo prega. Inoltre la Sua preghiera non è mai un evento separato dal resto della sua vita ma ne è come la rincorsa: infatti dopo che prega accade o decide qualcosa di importante:

“Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli”.

Gesù prega per scegliere, prega per decidere, prega prima di agire, prega per capire, prega per affidarsi. E soprattutto la sua non è una preghiera alienante ma una preghiera che sa passare dall’intimità (il monte) alla realtà (la pianura):

“Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie”.

La preghiera non produce solo un effetto in Lui ma anche un effetto sugli altri. È bello ricordarci che la preghiera non agisce solo in chi prega ma anche in chi incontra quelli che pregano. Se ciascuno di noi pregasse seriamente allora cambierebbe la vita anche delle persone che hanno a che fare con noi.  In Gesù, ad esempio, è una forza che agisce con potenza su tutti quelli che lo incrociano per un motivo o per un altro:

“anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti”.

Fonte: nellaparola.it


” In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. ”

Dicembre: 2021
LMMGVSD
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031