Mt 13,47-53

Ogni genere di pesci

GIOVEDÌ DELLA XVII SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)


Dio ti benedica !



VANGELO

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 13,47-53

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo.

Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.

Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche».

Terminate queste parabole, Gesù partì di là.


PAROLE DEL SANTO PADRE

[contentcards url = “https://www.vaticannews.va/it/vangelo-del-giorno-e-parola-del-giorno.html”]


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA

Il segno della vita

«Per questo ogni scriba divenuto discepolo del regno dei cieli è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche».

Ho sempre pensato che in questo versetto del Vangelo è racchiusa tutta la forza della Tradizione della Chiesa. Infatti tra chi immagina la Tradizione come un guscio dentro cui nascondersi dalla precarietà del mondo e chi invece la contesta pensando di poterne fare a meno, Gesù propone la via più giusta che è la capacità di saper tenere insieme cose antiche e cose nuove. Ciò non riguarda solo la Chiesa ma ogni esperienza umana. Infatti delle volte passiamo la vita volendo ripetere solo ciò che hanno fatto i nostri genitori e i nostri nonni, e altre volte passiamo la maggior parte dei nostri anni a contestare ogni singola cosa che ci è stata data. 

La verità però risiede nella capacità di saper fare tesoro di un’appartenenza e di avere però il coraggio di essere se stessi operando anche delle novità inedite. Ciò non è mai indolore, ma non dobbiamo temere questa conflittualità che nasce dalla vita stessa, anzi è proprio essa il segno della vita. Oggi ci viene posta una domanda decisiva: che rapporto abbiamo con ciò che abbiamo ricevuto come tradizione dagli altri? E quanto coraggio abbiamo di assumerci la nostra responsabilità nel prendere delle decisioni nuove?

Fonte: nellaparola.it

” Avete compreso tutte queste cose? “

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930