Il regno di Dio è vicino

Il regno di Dio è vicino

26 novembre 2021

VENERDÌ DELLA XXXIV SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)

Dio ti benedica !


San Leonardo da Porto Maurizio

Questo mistico fiore della numerosa famiglia dei seguaci di S. Francesco d’Assisi ebbe i natali a Portomaurizio, cittadina della Liguria, il 20 dicembre 1676. I genitori, cristiani di specchiata virtù..

>>> Continua a leggere su santodelgiorno.it

Sacerdote



VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 21,29-33
 
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola: 

«Osservate la pianta di fico e tutti gli alberi: quando già germogliano, capite voi stessi, guardandoli, che ormai l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino. 

In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno».


PAROLE DEL SANTO PADRE

Ci sarà un giorno in cui io incontrerò faccia a faccia il Signore. E’ questa la nostra meta: questo incontro. Noi non attendiamo un tempo o un luogo, ma andiamo incontro a una persona: Gesù. Pertanto, il problema non è “quando” accadranno i segni premonitori degli ultimi tempi, ma il farsi trovare pronti all’incontro. E non si tratta nemmeno di sapere “come” avverranno queste cose, ma “come” dobbiamo comportarci, oggi, nell’attesa di esse.

Siamo chiamati a vivere il presente, costruendo il nostro futuro con serenità e fiducia in Dio. La parabola del fico che germoglia, come segno dell’estate ormai vicina (cfr vv. 28-29), dice che la prospettiva della fine non ci distoglie dalla vita presente, ma ci fa guardare ai nostri giorni in un’ottica di speranza.

Il Signore Gesù non è solo il punto di arrivo del pellegrinaggio terreno, ma è una presenza costante nella nostra vita: è sempre accanto a noi, ci accompagna sempre; per questo quando parla del futuro, e ci proietta verso di esso, è sempre per ricondurci al presente. Lui è accanto, cammina con noi, ci vuole bene. (Angelus, 15 novembre 2015)

Fonte: vaticannews.va


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

L’arte del discernimento

Per un cristiano la lettura corretta dei segni non risiede nelle proprie sensazioni, né nei meri ragionamenti, ma bensì nella capacità di saper vedere le cose così come le vede Dio.

“Guardate il fico e tutte le piante; quando già germogliano, guardandoli capite da voi stessi che ormai l’estate è vicina”.

L’invito del Vangelo di oggi è di saper leggere i segni della nostra storia. Ma non è mai facile saperlo fare. Ecco perché per un cristiano è importante esercitarsi nell’arte del discernimento, perché molto spesso noi leggiamo la nostra vita in maniera emotiva, sentimentale o intellettuale senza mai riuscire a coglierne davvero il significato. Il segreto è la frequenza al Vangelo, e in generale alla Parola di Dio, ci istillano dentro questo sguardo altro sulle cose. Più viviamo una relazione profonda con Dio, e più siamo immersi nel Suo sguardo sulle cose. Più lo amiamo e più sentiamo come Lui, vediamo come Lui, viviamo come Lui.

È una sorta di simbiosi d’amore che mentre ci lascia profondamente noi stessi ci dona però un punto di vista privilegiato su noi stessi e sulla storia. È troppo poco cercare segni e conferme, la grazia da domandare è saperli leggere. Senza la giusta chiave di lettura le esperienze decisive della vita, belle o brutte, vengono sprecate. Invece un dolore o una gioia quando sono letti in maniera corretta ci forniscono una lettura sapienziale di noi stessi e del significato della nostra vita. certamente rimane sempre una porzione di mistero, ma questo ci spinge solo a voler entrare più intensamente nelle cose.

Gesù ci parla della fine non per spaventarci ma per far nascere dentro di noi la nostalgia di “un fine”. Solo a partire da quello anche la fine è vivibile.

“Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno”.

Senza il discernimento rischiamo di lasciare che i segni della nostra vita vengano letti dalle nostre ferite, dalle nostre paure, dalle nostre aspettative, avendo della vita e della nostra storia una visione distorta.

Fonte: nellaparola.it


” Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino ”

Dicembre: 2021
LMMGVSD
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031