Mt 7,15-20

Dai loro frutti dunque li riconoscerete

MERCOLEDÌ DELLA XII SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)


Dio ti benedica !



VANGELO

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 7,15-20

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci! Dai loro frutti li riconoscerete.

Si raccoglie forse uva dagli spini, o fichi dai rovi? Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi; un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni.

Ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Dai loro frutti dunque li riconoscerete».


PAROLE DEL SANTO PADRE


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA

La Verità che produce frutti

“Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci”.

In un mondo dominato dall’apparenza Gesù ci dice che non dobbiamo mai usare come criterio di discernimento ciò che si vede, ma solo ed esclusivamente i frutti. Infatti il male è maestro di apparenza e proprio per questo crea subito audience e consenso.

Ci vuole invece un occhio attento ad accorgersi che la verità è in ciò che produce qualcosa, e non ciò che mette a credere. È così per tante cose che ci accadono o di cui facciamo esperienza a livello umano, sociale, politico, culturale e persino religioso. Non di rado, infatti, anche la Chiesa può essere attraversata da falsi profeti che creano molto consenso attraverso la loro apparenza e sembrano rassicurare proprio per il numero di aderenti che suscitano, ma in realtà, dice Gesù,

“sono lupi rapaci”.

Quando qualcuno mi dice “guarda quel movimento! O guarda quell’associazione, quell’istituto religioso, quella proposta ecclesiale, e vedi quanti numerosi aderenti ha”, solitamente dico a questa gente che è un criterio di discernimento sbagliato guardare i numeri perché i frutti non si vedono dai numeri ma dalla santità. Infatti se hai numeri da capogiro ma poi produce confusione nel cuore della gente parlando male del Papa, dei vescovi, della dottrina, del Concilio, di Maria, della liturgia, tutto ciò è il chiaro segno che dietro un’esperienza simile si nasconde un lupo. I veri riformatori nella Chiesa non sono quelli che si autoproclamano tali ma sono i santi. Non conosco nessun santo che si è dato da solo autorità, ma solitamente ha cambiato le cose a partire proprio dal frutto più vero dello Spirito: l’umiltà.

Fonte: nellaparola.it

” Ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Dai loro frutti dunque li riconoscerete “