Io sono re

Io sono re

21 novembre 2021

CRISTO RE

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)

Dio ti benedica !


Solennità di Cristo Re

Il Papa Pio XI, istituendo nell’anno Giubilare 1925 la nuova solennità di Cristo Re, pubblicava la sapientissima enciclica « Quas primas ». Ne riportiamo i punti principali. « Avendo concorso quest’Anno..

>>> Continua a leggere su santodelgiorno.it

Festa


Solennità di Cristo Re – Anno B – Commento al Vangelo di don Fabio Rosini



VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 18,33b-37

In quel tempo, Pilato disse a Gesù: «Sei tu il re dei Giudei?». Gesù rispose: «Dici questo da te, oppure altri ti hanno parlato di me?». Pilato disse: «Sono forse io Giudeo? La tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Che cosa hai fatto?».

Rispose Gesù: «Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù».

Allora Pilato gli disse: «Dunque tu sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce».


PAROLE DEL SANTO PADRE

Alla sera della vita saremo giudicati sull’amore, sulla prossimità e sulla tenerezza verso i fratelli. Da questo dipenderà il nostro ingresso o meno nel regno di Dio, la nostra collocazione dall’una o dall’altra parte.

Gesù, con la sua vittoria, ci ha aperto il suo regno, ma sta a ciascuno di noi entrarvi, già a partire da questa vita – il regno incomincia adesso – facendoci concretamente prossimo al fratello che chiede pane, vestito, accoglienza, solidarietà, catechesi. (Messa di canonizzazione in Piazza San Pietro,  23 novembre 2014)

Fonte: vaticannews.va


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

La regalità secondo l’uomo e la regalità secondo Dio. Questo dilemma risponde questa domenica dedicata a Cristo Re.

Il Vangelo ci racconta di questo dialogo intenso e drammatico tra Gesù e pilato in cui si giocano queste due definizioni, re, secondo il mondo, è uno che crede di possedere la verità e la impone agli altri, esercita un potere sugli altri perché alla pretesa di credere che lui possiede la verità e siccome lui possiede la verità agli altri si devono adeguare a questo non c’è bisogno di avere una reggia per essere re o di avere una corona sulla testa a volte noi esercitiamo questo potere violento sugli altri nelle nostre famiglie, con i nostri colleghi, con la gente che c’è accanto perché pensiamo di possedere la verità e gli altri devono adeguarsi a quello che noi pensiamo essere vero.

Invece Gesù ci insegna che chi è veramente re è posseduto dalla verità, non possiede la verità, per questo ha un atteggiamento umile, di ascolto e una regalità che sa mettersi in ginocchio e la regalità che Gesù insegna ai discepoli nell’ultima cena quando si inginocchia davanti a loro e gli lava i piedi, gli da un esempio, ti fa capire che uno può essere così tanto re da permettersi di mettersi in ginocchio senza perdere nulla di questa regalit.

Un re secondo la logica del mondo non piegherebbe mai le proprie ginocchia perché la sua regalità è legata all’esteriorità, è legata a quello che gli altri vedono, a quello che gli altri percepiscono

Uno invece che è posseduto da questa verità non ha paura di mettersi in ginocchio, non ha paura di mettere in gioco la propria faccia, la propria dignità perché sa benissimo che lui vale al di là di quello che gli altri pensano, al di là di quello che gli altri percepiscono di lui e non ha bisogno di imporre niente a nessuno perché la verità difende se stessa, la verità si impone da se stessa.

Un cristiano è uno che è sereno nella verità, non ha bisogno di imporre la propria verità agli altri è così sereno e sa benissimo che se lui diventa trasparenza, se lui si lascia guidare da questa verità che lo possiede, allora diventa quel segno, quel prolungamento di questa regalità di Cristo così incomprensibile per Pilato che rimane perplesso davanti a Gesù.

Il mondo non capirà mai questa regalità di Cristo quando guarda le cose dal basso verso l’alto ma Gesù ci insegna a guardare le cose dall’alto verso il basso e l’alto di Gesù è mettersi in ginocchio così come egli ha fatto davanti agli Apostoli.

Ci insegna questa cosa che è importantissima, che dobbiamo ciascuno di noi tornare ad essere re cioè recuperare la nostra libertà e questa libertà la recuperiamo se ci lasciamo possedere da questa verità, se ci mettiamo in ascolto di questa verità; quando uno ascolta allora può permettersi tutto, anche di cadere in ginocchio e di non perdere nulla di ciò che è veramente.

Fonte: cercoiltuovolto.it


” «Dunque tu sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce»”

Dicembre: 2021
LMMGVSD
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031