oggi devo fermarmi a casa tua

Oggi devo fermarmi a casa tua

16 novembre 2021

MARTEDÌ DELLA XXXIII SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)

Dio ti benedica !


Santa Gertrude la Grande

S. Gertrude nacque ad Eisleben, nella Sassonia, da illustre famiglia. All’età di cinque anni fu posta nel monastero di Helfta, appartenente all’ordine delle Cistercensi. Questo monastero, fondato dal conte..

>>> Continua a leggere su santodelgiorno.it

Vergine



VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 19,1-10

In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là.

Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».

Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».

Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».


PAROLE DEL SANTO PADRE

Se voi avete oggi un po’ di tempo, prendete la Bibbia, il secondo libro dei Maccabei, e leggete questa storia di Eleàzaro.

Vi farà bene, vi darà coraggio e anche vi darà forza e sostegno per portare avanti l’identità cristiana, senza compromessi. (Omelia da Santa Marta, 17 novembre 2015)

Fonte: vaticannews.va


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

Predilezione e misericordia

 “Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». In fretta scese e lo accolse pieno di gioia”.

Noi siamo amati così da Gesù, come se in mezzo a una folla sterminata di persone Egli avesse a cuore solo pronunciare il nostro nome. Eppure nel Vangelo di oggi c’è qualcosa di stonato. Gesù si comporta esattamente come abbiamo descritto poc’anzi, ma la persona in questione è un discusso personaggio di nome Zaccheo, famoso in città per i suoi misfatti e ruberie. Ed è così che l’esperienza straordinaria della predilezione fa scoppiare lo scandaloso fatto della misericordia. Infatti Gesù sembra costantemente andare alla ricerca proprio dei più inaffidabili, gli ultimi, i perduti. Lo aveva detto che era venuto soprattutto per loro, ma alla gente di Gerico questa cosa non scende giù. Chi può salvare la situazione?

“Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È andato ad alloggiare da un peccatore!». Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà dei miei beni ai poveri; e se ho frodato qualcuno, restituisco quattro volte tanto»”.

Zaccheo è l’unico che può salvare la situazione, e può farlo solo a un prezzo altissimo: cambiare vita. È questo il ragionamento che fa in cuor suo Zaccheo. In verità Gesù non gli domanda nulla, ma accoglie la libertà di quest’uomo che sentendosi così amato è irresistibilmente mosso dal desiderio di corrispondere a questo amore. La misericordia però rimane uno scandalo, perché rimane amore proprio lì dove il buon senso ti dice che amore non dovrebbe esserci. È amore nella miseria delle persone. 

È amore gratuito.

È amore che non fa sempre miracoli perché non tutti quelli amati poi cambiano. Ma in sé rimane uno dei fatti più interessanti del Vangelo, perché solo una gratuità così mette le persone nelle condizioni più giuste per esercitare la propria libertà fino alle sue estreme conseguenze. La misericordia non è una tecnica infallibile ma una possibilità insperata offertaci.

Fonte: nellaparola.it


” Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua ”

Dicembre: 2021
LMMGVSD
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031