Mt 19,23-30

Cosa dunque ne avremo?

MARTEDÌ DELLA XX SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)


Dio ti benedica !



VANGELO

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 19,23-30

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità io vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio».

A queste parole i discepoli rimasero molto stupiti e dicevano: «Allora, chi può essere salvato?». Gesù li guardò e disse: «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile».

Allora Pietro gli rispose: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?».

E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d’Israele.

Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna.

Molti dei primi saranno ultimi e molti degli ultimi saranno primi».


PAROLE DEL SANTO PADRE


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA

Liberi

«In verità vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno dei cieli».

Troppe volte abbiamo letto questo versetto del Vangelo pensando che Gesù in una qualche maniera colpevolizzi la ricchezza e il benessere. Ciò a cui Gesù mette in guardia non è il benessere della gente che in alcuni non rari casi è anche il frutto di un serio e onesto impegno delle persone, ma bensì l’opzione di pensare che la vita dipenda essenzialmente da ciò che si ha. Chi si convince di questo in realtà non è ricco ma succube della propria ricchezza. 

Se tu sei ciò che hai allora basta toglierti ciò che hai e smetterai anche di essere. Ma se tu sei a prescindere da ciò che hai allora potrà anche capitare che nella vita perderai le cose che hai ma non soccomberai sotto la malasorte perché la tua vita è fondata su altro. Questa libertà fa la differenza. La grande domanda è se una persona che ha molto è capace di staccarsi davvero da ciò che ha. 

Le cronache dei giornali riportano ultimamente storie in tal senso: ricchi ereditieri che rinunciano alle loro fortune perché sproporzionate rispetto alla loro singola vita. Forse questo ci da’ speranza che non solo San Francesco aveva capito questo segreto, ma molti altri che probabilmente ancora non hanno incontrato Gesù Cristo ma sembra che sono sulla strada giusta.

Fonte: nellaparola.it

” Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo? “

Settembre 2022
LMMGVSD
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930