Oggi abbiamo visto cose prodigiose



Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)


Dio ti benedica !



VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 5,17-26

Un giorno Gesù stava insegnando. Sedevano là anche dei farisei e maestri della Legge, venuti da ogni villaggio della Galilea e della Giudea, e da Gerusalemme. E la potenza del Signore gli faceva operare guarigioni.
Ed ecco, alcuni uomini, portando su un letto un uomo che era paralizzato, cercavano di farlo entrare e di metterlo davanti a lui. Non trovando da quale parte farlo entrare a causa della folla, salirono sul tetto e, attraverso le tegole, lo calarono con il lettuccio davanti a Gesù nel mezzo della stanza.
Vedendo la loro fede, disse: «Uomo, ti sono perdonati i tuoi peccati». Gli scribi e i farisei cominciarono a discutere, dicendo: «Chi è costui che dice bestemmie? Chi può perdonare i peccati, se non Dio soltanto?».
Ma Gesù, conosciuti i loro ragionamenti, rispose: «Perché pensate così nel vostro cuore? Che cosa è più facile: dire “Ti sono perdonati i tuoi peccati”, oppure dire “Àlzati e cammina”? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati, dico a te – disse al paralitico -: àlzati, prendi il tuo lettuccio e torna a casa tua». Subito egli si alzò davanti a loro, prese il lettuccio su cui era disteso e andò a casa sua, glorificando Dio.
Tutti furono colti da stupore e davano gloria a Dio; pieni di timore dicevano: «Oggi abbiamo visto cose prodigiose».

Parola del Signore.



COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

La creatività dell’amore

La scena raccontata nel Vangelo di oggi potrebbe essere letta in due modi paralleli: da una parte Gesù che insegna e discute con farisei e maestri della legge, e dall’altra un uomo malato portato su una barella che non riesce ad entrare a causa della folla. Sembra quasi che quest’uomo sia il messaggio di Gesù che non riesce ad entrare nella testa e nel cuore dei farisei e dei dottori della legge.

Infatti il paralitico rappresenta la sofferenza concreta di un uomo che forse a causa propria o di quello che è accaduto nella propria vita, si ritrova in una posizione di svantaggio, di paralisi, di impossibilità. Un gruppo di amici riescono ad introdurlo davanti a Gesù attraverso il tetto. Essi forse rappresentano la Chiesa così come dovrebbe sempre essere, o ancora rappresentano la creatività dell’amore che trova sempre modi originali per ottenere un risultato. Fatto sta che il Vangelo annota che

“Vedendo la loro fede, disse: «Uomo, ti sono perdonati i tuoi peccati»”.

Questo perdono è già il miracolo, ma il perdono è un mistero nel cuore di quest’uomo, e siccome la maggior parte dei presenti non crede alla capacità che ha Gesù di perdonare allora egli dice:

“«Perché pensate così nel vostro cuore? Che cosa è più facile: dire «Ti sono perdonati i tuoi peccati», oppure dire «Àlzati e cammina»? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati, dico a te – disse al paralitico -: àlzati, prendi il tuo lettuccio e torna a casa tua». Subito egli si alzò davanti a loro, prese il lettuccio su cui era disteso e andò a casa sua, glorificando Dio”.

La lezione è immensa: Gesù può perdonare (liberare) la nostra vita da tutto ciò che le impedisce di essere davvero vita. Crediamo questo o pensiamo che la fede si limiti solo ad analizzare ciò che è accaduto? 

Fonte: nellaparola.it



Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

👉Privacy👈