Lc 6,20-26

Beati voi

MERCOLEDÌ DELLA XXIII SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO


Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)


Dio ti benedica !



VANGELO

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 6,20-26

In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva:
«Beati voi, poveri,
perché vostro è il regno di Dio.
Beati voi, che ora avete fame,
perché sarete saziati.
Beati voi, che ora piangete,
perché riderete.

Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell’uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i profeti.

Ma guai a voi, ricchi,
perché avete già ricevuto la vostra consolazione.
Guai a voi, che ora siete sazi,
perché avrete fame.

Guai a voi, che ora ridete,
perché sarete nel dolore e piangerete.
Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti».


PAROLE DEL SANTO PADRE


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA

Beati per ciò che ci manca

“Beati voi poveri…,beati voi che avete fame…, beati voi che piangete. Guai a voi ricchi…, guai a voi sazi…, guai a voi che ora ridete”.

Il Vangelo di oggi ci rivela una verità che non dobbiamo mai dimenticare: si è beati per ciò che ci manca, e si è nei guai per ciò che si ha. Detto così è poco comprensibile, ma se lo portiamo esistenzialmente nella nostra vita ci accorgiamo della verità di questa affermazione. Infatti quando sperimentiamo una mancanza il nostro atteggiamento è completamente umile, spalancato verso l’esterno, ricettivo. Siamo come quegli uccellini che tengono il becco spalancato in attesa che la madre dia loro da mangiare. 

La relazione è sempre apertura, e tutte le volte che sperimentiamo una mancanza essa ci spinge ad aprirci per accogliere ciò che non abbiamo. Mentre quando siamo sazi tutta la nostra attenzione è su noi stessi, sul nostro io. Siamo come quei bambini che quando hanno ottenuto il giocattolo che desideravano si chiudono al mondo intorno a loro per concentrarsi solo sul loro gioco. L’autoreferenzialità è un guaio che il mondo contemporaneo vende invece come un affare. 

Infatti viviamo in una cultura dove si demonizza la debolezza e si fomenta la forza. Viviamo in un mondo che ci dice che è sbagliato aprirsi e si è liberi solo quando non si ha bisogno di nessuno. Il Vangelo ci propone una logica contraria: benedire ciò che ci manca, e stare attenti a ciò che pensiamo di avere.

Fonte: nellaparola.it

” quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno “

👇Compila il modulo qui sotto per ricevere il Vangelo e le news direttamente sulla tua casella e-mail👇

Iscrizione Newsletter

Leave this field blank
* Link sotto

👉Privacy👈