Mt 9,9-13

Misericordia io voglio e non sacrifici

VENERDÌ DELLA XIII SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO

Primi venerdì del mese al Sacro Cuore di Gesù

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)


Dio ti benedica !



VANGELO

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 9,9-13

In quel tempo, Gesù, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.

Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?».

Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: “Misericordia io voglio e non sacrifici”. Io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori».


PAROLE DEL SANTO PADRE


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA

Un Amore che salva

“Andando via di là, Gesù vide un uomo, seduto al banco delle imposte, chiamato Matteo, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì”.

La persona in questione è la stessa che ha scritto il Vangelo che stiamo leggendo. Sarebbe stato carino avere qualche dettaglio in più rispetto a cosa sia accaduto in quel momento. Ma credo che la discrezione con cui viene raccontata questa chiamata ci ricorda che ci sono cose che sono difficili da racchiudere in un racconto e in un ragionamento e possono solo essere constatate.

Se qualcuno ti domanda perché ami una persona potrai rispondere in molti modi ma alla fine devi accettare che c’è qualcosa di misterioso al fondo di quell’amore che nessun ragionamento o parola possono cogliere. Bisogna educarsi a rispettare questo nucleo di intimità che ci abita e smettere di voler sempre analizzare tutto. Il Vangelo poi prosegue raccontandoci dello scandalo procurato da Gesù mettendosi a tavola con i peccatori.

Come può un giusto mettersi alla pari con un impuro? È il principio religioso più diffuso al mondo: il puro deve tenersi lontano da ciò che lo rende impuro. Gesù porta una novità radicale:

«Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate dunque e imparate che cosa significhi: Misericordia io voglio e non sacrificio. Infatti non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori»”.

L’amore di Dio non è come una categoria religiosa scontata, esso invece compie inaspettatamente ciò che gli altri evitano accuratamente: ama ciò che non è amabile e proprio per questo lo salva.

Fonte: nellaparola.it

” Misericordia io voglio e non sacrifici “

Agosto 2022
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031