Lc 4,31-37

Sei venuto a rovinarci?

MARTEDÌ DELLA XXII SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)


Dio ti benedica !



VANGELO

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 4,31-37

In quel tempo, Gesù scese a Cafàrnao, città della Galilea, e in giorno di sabato insegnava alla gente. Erano stupiti 

Nella sinagoga c’era un uomo che era posseduto da un demonio impuro; cominciò a gridare forte: «Basta! Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!».
Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E il demonio lo gettò a terra in mezzo alla gente e uscì da lui, senza fargli alcun male.

Tutti furono presi da timore e si dicevano l’un l’altro: «Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti impuri ed essi se ne vanno?». E la sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione circostante.


PAROLE DEL SANTO PADRE


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA

Passione

“Rimanevano colpiti dal suo insegnamento, perché parlava con autorità”.

L’annotazione che il Vangelo di Luca ci riporta credo che dovrebbe interrogarci sul perché l’insegnamento di Gesù è considerato autorevole. Forse la spiegazione più sintetica dovrebbe essere questa: Gesù crede in ciò che dice. Molte volte invece la nostra parola, il nostro lavoro, la nostra capacità educativa non ha nessuna autorità perché in fondo noi diciamo e propagandiamo cose di cui forse non siamo nemmeno pienamente convinti.

Laicamente dovremmo dire che parlare con autorità significa parlare facendo trasparire passione. Anche un ragazzo si accorge se il proprio insegnante insegna con passione o meno. O se il proprio genitore vive appassionatamente la propria vita o rincorre solo i problemi. Di certo la passione non la si può fingere, o c’è o non c’è. E persino il male non rimane indifferente davanti ad essa:

“Nella sinagoga c’era un uomo con un demonio immondo e cominciò a gridare forte: «Basta! Che abbiamo a che fare con te, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? So bene chi sei: il Santo di Dio!»”.

Chi vive con passione rovina sempre il male che per sua natura ci spinge alla mediocrità, al compromesso, alla mera sopravvivenza. Gesù fa tacere un male che si comporta così, e suscita l’impaurito stupore di chi si accorge che vivere con questa passione è come vivere costantemente facendo arretrare il male e le sue logiche:

«Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti immondi ed essi se ne vanno?».

Immaginiamo uno che lavora così, che parla così, che vive la propria vocazione così. La passione in ciò che facciamo è la nostra prima evangelizzazione.

Fonte: nellaparola.it

” Taci! Esci da lui “

Settembre 2022
LMMGVSD
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930