Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato

Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato

23 gennaio 2022

III DOMENICA TEMPO ORDINARIO

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)

Dio ti benedica !


III Domenica del Tempo ordinario Anno C – Commento al Vangelo di don Fabio Rosini



VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 1,1-4; 4,14-21

Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.

In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.

Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:

«Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi,
a proclamare l’anno di grazia del Signore».

Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».


PAROLE DEL SANTO PADRE


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

In questa terza domenica del tempo ordinario comincia il racconto del vangelo di Luca.

E’ una sorta di copia incolla tra il primo e il quarto capitolo, ma la cosa che colpisce di più di questo racconto è la descrizione quasi scenica che fa l’evangelista luca di Gesù che entra nella sinagoga del proprio paese , prende in mano il libro del profeta Isaia e lo legge davanti a tutti.

E’ un libro molto importante un passo molto importante che Gesù legge perché parla di liberazione e la parola liberazione è una parola molto vicina agli uomini di qualsiasi razza, etnia, popolo, cultura perché ciò che rende l’uomo un uomo è esattamente la sua libertà, se un uomo non è libero allora non è un uomo, è la caricatura di un uomo, un mezzo uomo e Gesù viene nella storia, entra dentro la storia di ciascuno di noi per donarci di nuovo questa capacità di essere liberi perché essere liberi è come avere delle ali e queste ali tante volte la vita ce le tarpa.

I desideri che ci portiamo dentro, i sogni che ci portiamo dentro, le cose che desideriamo, i nostri talenti tante volte non riusciamo a esprimerli, a metterli fuori, a vivere la vita così come dovremmo viverla e così ci dividiamo tra un’immaginazione della nostra vita, tra un io ideale e un io reale che cerchiamo di seppellire, magari usando anche la fede.

Gesù è venuto a fare esattamente questo, cioè a ri-donarci di nuovo questa libertà anzi dovremmo usare la fede esattamente per questo cioè dovremmo dire:

“la nostra fede in Gesù cristo sta aumentando la nostra capacità di essere liberi?”.

Ma per far questo ci sono degli ingredienti importanti che vengono accennati anche nel vangelo che abbiamo ascoltato questa domenica. A un certo punto l’evangelista luca dice che tutti gli occhi erano fissi su di Lui e Gesù parlando dice: tutto quello che avete ascoltato, che i vostri orecchi hanno ascoltato in questo istante sta accadendo in questo momento davanti a voi, occhi fissi su qualcuno e orecchie spalancate.

Questo è il cristiano. Il cristiano è uno che ha davanti qualcuno a cui guardare qualcuno a cui si ispira, ha qualcuno che diventa una sorta di esempio per ciascuno di noi è Gesù, è Gesù quell’uomo che noi guardiamo, quell’uomo che non vogliamo emulare ma vogliamo imitare nel senso che vogliamo essere come lui portandoci la stessa libertà che lui ha vissuto, la stessa libertà nei rapporti, nelle relazioni e la stessa libertà persino nella sofferenza e nel dolore.

Gesù ha mostrato di essere libero anche nei momenti più difficili della sua vita ecco perché gli occhi di ciascuno di noi devono essere fissi su di lui e allo stesso tempo i nostri orecchi devono essere spalancati perché il cristianesimo senza audio, cioè un cristianesimo senza la parola di dio, è un cristianesimo inventato, un cristianesimo che ci costruiamo con la nostra immaginazione, un cristianesimo che costruiamo con le nostre paure con le nostre insicurezze con le nostre ferite con quello di cui abbiamo bisogno ma non con quello che alla fine ci salva.

Avere le orecchie aperte significa tornare a essere credenti, che ascoltano la parola e la mettono in pratica. Occhi fissi su di lui le orecchie spalancate, se proviamo a tenere insieme queste due cose allora anche per noi è giunta la verità di questa profezia di Isaia anche per noi è giunta la liberazione.

Commento del 27 Gennaio 2019

Fonte: cercoiltuovolto.it


” Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato “

Maggio 2022
LMMGVSD
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031