Chiudi la porta e prega il Padre tuo




Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)


Dio ti benedica !



VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 6,1-6.16-18

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.
Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».

Parola del Signore



COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

Vigilanza

Il Vangelo di oggi prende in considerazione tre ambiti importanti della nostra vita: l’elemosina, la preghiera e il digiuno. Qualcuno potrebbe subito obiettare che ormai sono tre cose molto rare anche in mezzo ai cristiani, e magari sono più di moda solo in alcuni periodi forti dell’anno come la Quaresima. Ma sono convinto che i tre ambiti che il Vangelo propone in realtà sono la radice di tre atteggiamenti fondamentali del vivere umano: l’elemosina è la nostra capacità di amare l’altro nel suo bisogno, nelle sue necessità; È amarlo proprio quando è più fragile, misero, solo. 

La preghiera è la nostra capacità di uscire dal nostro individualismo per andare radicalmente incontro a Colui che distrugge la nostra solitudine e il nostro isolamento; È accorgersi di Dio e non solo del nostro io. Il digiuno è l’affermazione della nostra libertà sul territorio più difficile da conquistare e che è il territorio di noi stessi. Ecco allora che amare l’altro, uscire dalla solitudine del nostro io e affermare la nostra libertà, non possono mai essere tre argomenti desueti nella vita di un cristiano.

Gesù nel Vangelo di oggi dice che c’è un atteggiamento che distrugge queste tre cose preziose: l’apparenza. Amare per essere visti, pregare per essere visti, digiunare per essere visti. La vigilanza sul motivo per cui amiamo, preghiamo o digiuniamo è ciò che il Vangelo di oggi ci chiede. Se ci troviamo nella logica dell’apparenza non dobbiamo disperare, dobbiamo solo capire che è questa la nostra più grande conversione: comprendere che il Signore (che è l’unico che conta!) vede nel segreto, e non ha bisogno di nessuna apparenza, ma solo di sostanza. 

Fonte: nellaparola.it



Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

👉Privacy👈