Lc 12,49-53

Fuoco sulla terra

XX DOMENICA TEMPO ORDINARIO

San Massimiliano Maria Kolbe


Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)


Dio ti benedica !




VANGELO

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 12,49-53
 
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!

Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione.

D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».


PAROLE DEL SANTO PADRE


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA

“Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso!”

Passiamo la vita a cercare una pace sbagliata; è la pace che nasce dall’illusione di avere le redini di tutto, di controllare tutto, di aver capito tutto di noi, della nostra vita, del nostro passato, delle nostre ferite e così via. Pensiamo che se controlliamo tutto della vita avremo anche la pace, ma è proprio la ricerca di una pace così che ci toglie ogni sua possibilità.

Gesù invece è venuto a portare il “fuoco” che è il contrario del controllo, è vivere con una sete di vita che ci spinge continuamente a prendere il largo, a rischiare, ad accettare le cadute, ad accogliere la sofferenza come qualcosa che fa parte della vita, a sognare in grande, a realizzare cose più grandi ancora, a diventare noi stessi smettendo di realizzare i sogni degli altri. E’ in questo fuoco la vera pace. Ma la maggior parte di noi ha paura di una pace così e preferisce starsene alla larga.

Fonte: https://www.facebook.com/Epicoco

” Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto! “