Lc 17,20-25

Il regno di Dio è in mezzo a voi!

GIOVEDÌ DELLA XXXII SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO

[contentcards url = “https://https://www.santodelgiorno.it/san-leone-primo-detto-magno/”]


Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)


Dio ti benedica !



VANGELO

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 17,20-25

In quel tempo, i farisei domandarono a Gesù: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!».

Disse poi ai discepoli: «Verranno giorni in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell’uomo, ma non lo vedrete.

Vi diranno: “Eccolo là”, oppure: “Eccolo qui”; non andateci, non seguiteli. Perché come la folgore, guizzando, brilla da un capo all’altro del cielo, così sarà il Figlio dell’uomo nel suo giorno.

Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione».

PAROLE DEL SANTO PADRE

[contentcards url = “https://www.vaticannews.va/it/vangelo-del-giorno-e-parola-del-giorno.html”]


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA

Quando?

“«Quando verrà il regno di Dio?», rispose: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: Eccolo qui, o: eccolo là. Perché il regno di Dio è in mezzo a voi!»”.

Tutti vorremmo sapere con precisione “quando” verrà il regno di Dio. È la ricerca di sapere le coordinate di giuste del quando accadrà la cosa più decisiva per la nostra vita. Questa attesa ci fa vivere sempre proiettati verso il futuro in maniera preoccupata e allo stesso tempo alienata. Gesù tutte le volte che viene interrogato su simili argomenti, riporta sempre l’attenzione su ciò che conta, e cioè sul presente. È infatti l’istante presente il luogo più decisivo della nostra vita. Vivere con la nostalgia del passato o l’ansia del futuro, significa fondamentalmente evadere il presente.

Allo stesso tempo l’attesa del regno fa scattare in noi un immaginario fantasioso che puntualmente Dio delude. Le cose che ci aspettano non sono mai come ce le immaginiamo. Ciò che conta, dice Gesù, non attira l’attenzione, è nascosta nei dettagli che molto spesso noi consideriamo insignificanti. Ma proprio perché non ci rassegniamo all’idea che ciò che conta è qui, cadiamo spesso nella tentazione di costruirci da soli degli idoli sostitutivi fatti a immagine e somiglianza delle nostre aspettative:

“Vi diranno: Eccolo là, o: eccolo qua; non andateci, non seguiteli”.

La verità è che per capire Gesù bisogna seguirlo fin nell’esperienza della Croce. Infatti solo accettando questa strettoia si può anche accedere al Regno vero e non a quello psicologico inventato da noi stessi:

“Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga ripudiato da questa generazione”.

È un po’ come se Gesù volesse dire ai suoi discepoli che Dio per compiere la promessa che ci ha messo nel cuore deve prima distruggere le nostre aspettative perché troppo piccole, troppo mondane, e fare spazio a qualcosa di nuovo, cioè quella novità di vita che è venuto a portarci.

Fonte: nellaparola.it

” Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione “

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

👇Compila il modulo qui sotto per ricevere il Vangelo e le news direttamente sulla tua casella e-mail👇

👉Privacy👈