Subito

Subito

10 gennaio 2022

LUNEDÌ DELLA I SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)

Dio ti benedica !



VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 1,14-20

Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito lasciarono le reti e lo seguirono.

Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. Subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedeo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.


PAROLE DEL SANTO PADRE


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

«Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al vangelo».

Una delle più grandi rivoluzioni esistenziali che il cristianesimo introduce nella nostra vita la potremmo sintetizzare in una sorta di “ritorno al presente”. Viviamo immersi nel contrario. Cioè pensiamo sempre che la cosa più decisiva per la nostra vita accadrà domani, la settimana prossima, in un futuro prossimo indefinito.

Gesù è come se ci dicesse: “domani è già qui, adesso”. Il regno di Dio è una cittadinanza completamente nuova del presente. È la presa di coscienza e di responsabilità che abbiamo il dovere/diritto di scoprirci felici ora, mentre siamo immersi nell’imperfezione delle cose e degli eventi. Questo ovviamente è un dono. È il dono della fede.

Ma uno può ricevere un dono se fa spazio dentro di sé alla possibilità che questo dono ci sia davvero e sia così. Solo così si comprende la reazione dei primi discepoli:

Passando lungo il mare della Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Seguitemi, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito, lasciate le reti, lo seguirono”.

E subito è la risposta più vera al riappropriarsi del presente. La nostra mancanza di fede la si vede nel temporeggiare, nel prendere costantemente tempo, nel ragionare compulsivamente per non prendere poi nessuna decisione. I discepoli colgono l’opportunità del presente, perché Dio ci fa sempre visita nel qui ed ora.

Con Cristo la promessa, la salvezza, la redenzione non è più spostata in avanti ma è ora.

“Andando un poco oltre, vide sulla barca anche Giacomo di Zebedèo e Giovanni suo fratello mentre riassettavano le reti. Li chiamò. Ed essi, lasciato il loro padre Zebedèo sulla barca con i garzoni, lo seguirono”.

Lasciare qualcosa, anche di importante, e mettersi a seguire qualcos’altro è la prova che sta accadendo davvero qualcosa di decisivo. Se la fede non cambia le carte in tavola allora è solo hobby da fine settimana.

Commento del 2018

Fonte: cercoiltuovolto.it


Venite dietro a me
” E subito lasciarono le reti e lo seguirono ”

Pensiero del giorno

Proprio ora mentre sto leggendo la Parola di Dio, Gesù sta passando.. attende una risposta da me..
Sono in grado di accogliere una Parola nuova? Di lasciare tutte quelle sicurezze su cui ho costruito la mia vita.. ?

Oggi Gesù mi dice di seguirlo.. per mettermi in cammino dietro Lui, devo gettar via le reti in cui sono impigliato..

Fabrizio
Luglio 2022
LMMGVSD
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031