Voi siete la luce del mondo

08/06/2021

MARTEDÌ DELLA X SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)

Dio ti benedica !


San Medardo

S. Medardo, uno dei più illustri Vescovi della Chiesa di Francia del VI secolo, nacque circa l’anno 457 a Salency nella Piccardia. Nettardo, suo padre, usciva da una nobile casa di Francia e aveva un posto..

Continua a leggere sul sito “Il Santo del Giorno

Vescovo




VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 5, 13-16

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente.

Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono nella casa.

Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli».


PAROLE DEL SANTO PADRE

Gesù ci invita a non avere paura di vivere nel mondo, anche se in esso a volte si riscontrano condizioni di conflitto e di peccato.

Di fronte alla violenza, all’ingiustizia, all’oppressione, il cristiano non può chiudersi in sé stesso o nascondersi nella sicurezza del proprio recinto; anche la Chiesa non può chiudersi in sé stessa, non può abbandonare la sua missione di evangelizzazione e di servizio.

Gesù, nell’Ultima Cena, chiese al Padre di non togliere i discepoli dal mondo, di lasciarli, lì, nel mondo, ma di custodirli dallo spirito del mondo.

La Chiesa si spende con generosità e tenerezza per i piccoli e i poveri: questo non è lo spirito del mondo, questo è la sua luce, è il sale. ANGELUS  – Domenica, 9 febbraio 2020

Fonte: vaticannews.va


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

Sale e luce

Il cristiano non sta al mondo come un sopramobile. La traversata della sua vita deve lasciare il segno altrimenti è un fallimento. Un cristiano per definizione deve essere significativo, deve cioè portare significato, sapore, gusto, luce, direzione:

“Voi siete il sale della terra (…) Voi siete la luce del mondo”.

Il nostro scopo è tenere accesa la luce quando invece il buio vuole fare da padrone. Un cristiano si occupa di insaporire le cose, di illuminarle, e non di comportarsi come una qualsiasi altra persona o lobby di potere. Il nostro “esserci” deve far cambiare le cose in termini di qualità non di quantità. Infatti ovunque c’è un cristiano le cose dovrebbero essere fatte con una cura diversa, appassionata, gioiosa, competente.

Un cristiano umanizza gli ambienti, fossero la scuola, la politica, la medicina. Se un cristiano smette di essere “sale e luce” non serve a nulla se non ad essere buttato via. Un cristiano che non fa questo è teologicamente spazzatura. E non spazzatura qualunque, ma spazzatura che inquina. E il mondo è già pieno di discariche così. Invece

“vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli”.

Perché questa è un’altra faccenda molto seria: la visibilità dell’amore. Le cose che contano non vanno ostentate, ma non le si può nemmeno tenere nascoste. Non si può vivere in vetrina, ma non si può neppure credere che il bene debba essere trasparente, invisibile. La differenza è molto semplice: il bene non buono è seduttivo, conduce a se stesso. Il bene buono invece è indicativo, segnala sempre Qualcun altro. 

Un cristiano è chiamato a mostrare un bene che indica molto di più di ciò che sembra. Un cristiano è chiamato a rendere visibile la profondità delle cose, la preziosità del creato, la dignità della vita. ecco allora come il Vangelo di oggi è carico di un senso vocazionale connaturale alla nostra fede. Chi crede ai margini della storia senza fermentarla come il lievito non solo crede male ma non crede in Gesù Cristo.

“Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli”

Giugno: 2021
LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930