Mc 6,53-56

E quanti lo toccavano venivano salvati.

LUNEDÌ DELLA V SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO

Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)


Dio ti benedica !



VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 6,53-56
 
In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli, compiuta la traversata fino a terra, giunsero a Gennèsaret e approdarono.

Scesi dalla barca, la gente subito lo riconobbe e, accorrendo da tutta quella regione, cominciarono a portargli sulle barelle i malati, dovunque udivano che egli si trovasse.

E là dove giungeva, in villaggi o città o campagne, deponevano i malati nelle piazze e lo supplicavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello; e quanti lo toccavano venivano salvati.


PAROLE DEL SANTO PADRE


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

L’essenziale di cui abbiamo bisogno

Il primo luogo in cui facciamo esperienza di Cristo è la nostra debolezza, la nostra malattia, la nostra mancanza:

“dovunque giungeva, in villaggi o città o campagne, ponevano i malati nelle piazze e lo pregavano di potergli toccare almeno la frangia del mantello; e quanti lo toccavano guarivano”.

Credo che il motivo sia evidente: quando siamo deboli, feriti, mancanti, ci accorgiamo di non bastare a noi stessi, ci accorgiamo della menzogna dell’autosufficienza. Il male insiste nel volerci convincere interiormente che saremo davvero liberi quando non avremo bisogno di nessuno, ma una persona è davvero libera quando accetta di avere sempre bisogno degli altri per poter essere se stessa, per poter amare, per poter affrontare la vita. 

Finché l’uomo non fa pace con la sua creaturalità allora giocherà sempre a fare Dio. E facendo questo gioco sperimenterà presto che ci si può far male. È questo forse il motivo per cui quando stiamo bene, quando abbiamo la salute, quando le cose girano per il verso giusto ci prende subito la tentazione di poter mollare le relazioni, la preghiera, gli altri.

Essere umili significa capire che ogni nave ha bisogno della sua àncora, del suo timone, della sua vela, altrimenti non è più una nave che va da qualche parte, ma solo una nave alla deriva. In questo senso dobbiamo imparare a guardare con occhi nuovi anche i nostri periodi di crisi, perché ci ricordano davvero dell’essenziale di cui abbiamo bisogno.    

Fonte: nellaparola.it


” E là dove giungeva, in villaggi o città o campagne, deponevano i malati nelle piazze e lo supplicavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello; e quanti lo toccavano venivano salvati “

Dicembre 2022
LMMGVSD
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031