Con timore e gioia grande

05/04/2021

LUNEDÌ FRA L’OTTAVA DI PASQUA

Lunedì dell’Angelo

Il suo nome è rappresentativo del  fatto che in questo giorno si ricorda un evento narrato nel Vangelo, l’incontro dell’angelo con le donne giunte al Sepolcro in cui era stato posto Gesù dopo la sua crocifissione, dove erano andate per imbalsamare il  Suo corpo con degli oli aromatici..

Continua a leggere sul sito “Il Santo del Giorno”


Lampada per miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino

(Salmo 118)

Dio ti benedica !

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 28,8-15

In quel tempo, abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annuncio ai suoi discepoli. Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono.

Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno».

Mentre esse erano in cammino, ecco, alcune guardie giunsero in città e annunciarono ai capi dei sacerdoti tutto quanto era accaduto.

Questi allora si riunirono con gli anziani e, dopo essersi consultati, diedero una buona somma di denaro ai soldati, dicendo: «Dite così: “I suoi discepoli sono venuti di notte e l’hanno rubato, mentre noi dormivamo”. E se mai la cosa venisse all’orecchio del governatore, noi lo persuaderemo e vi libereremo da ogni preoccupazione».

Quelli presero il denaro e fecero secondo le istruzioni ricevute. Così questo racconto si è divulgato fra i Giudei fino a oggi.


PAROLE DEL SANTO PADRE

Pensate ai cristiani perseguitati in Africa, in Medio Oriente … Ma ce ne sono di più che nei primi tempi oggi, in carcere, sgozzati, impiccati per confessare Gesù. Testimonianza fino alla fine.

Chiediamola gli uni per gli altri, ma quella gioia che viene dallo Spirito Santo, che dà lo Spirito Santo: la gioia dell’obbedienza pasquale, la gioia della testimonianza pasquale e la gioia della concretezza pasquale (Santa Marta, 12 aprile 2018). 

Fonte: vaticannews.va


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

L’anticamera della gioia

Fonte: nellaparola.it

“Con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annuncio ai suoi discepoli”.

È bella la commistione tra timore e gioia presente nel Vangelo di oggi.

La Pasqua che abbiamo appena celebrato si prolunga per otto giorni.

E in questi otto giorni continuamente entreremo nei racconti della resurrezione. Oggi lo facciamo con la corsa di queste donne. La grande differenza che c’è tra la paura e il timore è l’effetto che produce. La paura paralizza, il timore è solo l’anticamera della gioia, oltre ad essere, come ci ricorda la Scrittura, l’anticamera della sapienza.

E tutto questo perché il timore è un prodotto dell’amore, non della colpa. In questo gesto di resurrezione rappresentato dalle donne accade la regola fondamentale del Vangelo: esse corrono verso i fratelli, e proprio mentre stanno andando incontro ai loro fratelli incontrano Gesù:

“Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno»”.

Se vuoi incontrare Gesù devi andare incontro ai fratelli. Se ti ripieghi su te stesso non incontrerai mai Gesù ma solo le tue mancanze.

Incontrare Gesù però significa assumere nei suoi confronti la stessa postura dei Magi, dei pastori, dei veri discepoli che incontratolo lo adorano. Il gesto dell’adorazione è un gesto di grande intimità.

Sembra che il Vangelo voglia dirci che quando incontri Gesù non puoi accontentarti semplicemente di un’esperienza intellettuale, ma deve poter essere l’inizio di un’esperienza affettiva, profonda, appassionata che segna la tua vita in maniera indelebile. 

Questo tipo di rapporto però non può mai avere come pretesa quello di possedere Gesù.

La vita spirituale non è un modo per gestire Dio, ma solo una maniera attraverso cui facciamo un’esperienza di amore decisiva che ci mette costantemente in cammino e proprio per questo rende ciascuno di noi “angeli/annunziatori della resurrezione”.


“.In quel tempo, abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande..”


Dicembre: 2021
LMMGVSD
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031