Parola del giorno

VANGELO DEL GIORNO

Uno più grande

24/02/2021

MERCOLEDÌ DELLA I SETTIMANA DI QUARESIMA


Dio ti benedica !

.

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 11,29-32

In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire:

«Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione.

Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone.

Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone.

Nel giorno del  giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona».


PAROLE DEL SANTO PADRE

Nella Sacra Scrittura, tra i profeti di Israele, spicca una figura un po’ anomala, un profeta che tenta di sottrarsi alla chiamata del Signore rifiutando di mettersi al servizio del piano divino di salvezza.

Si tratta del profeta Giona, di cui si narra la storia in un piccolo libretto di soli quattro capitoli, una sorta di parabola portatrice di un grande insegnamento, quello della misericordia di Dio che perdona. (Udienza generale, 18 gennaio 2017)

Fonte: vaticannews.va


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

Compimento

Fonte: nellaparola.it

Non è difficile creare massa intorno a noi. Basta sposare qualche slogan o dire ciò che la gente vuole sentirsi dire, ed è molto veloce il consenso che alza i numeri. Ma a Gesù non stanno a cuore le masse così. 

Vuole fare selezione, perché si accorge che è altissimo il rischio di seguirlo di pancia. Il Vangelo di oggi è un tentativo di fare questo: 

“Mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: «Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato nessun segno fuorché il segno di Giona»”. 

Credere in rapporto a dei segni è un modo di essere cristiani molto diffuso ma che non conduce molto lontano. 

Infatti chi crede spinto dai segni, va sempre alla ricerca del sensazionale, delle forti emozioni, ma dimentica che il segno più grande Gesù ce l’ha dato sulla croce. Persino i suoi discepoli scappano tutti davanti all’esperienza della croce.

“Poiché come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione.

La regina del sud sorgerà nel giudizio insieme con gli uomini di questa generazione e li condannerà; perché essa venne dalle estremità della terra per ascoltare la sapienza di Salomone.

Ed ecco, ben più di Salomone c’è qui.

Quelli di Nìnive sorgeranno nel giudizio insieme con questa generazione e la condanneranno; perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, ben più di Giona c’è qui”.

Gesù non è più una prefigurazione di ciò che accadrà, ma è il compimento di ciò che Dio ha promesso. Cercare qualcosa di diverso da Lui, significa perdere tempo, e pervertire il Suo messaggio. 

È come se Gesù volesse dire: la gente ha cambiato vita ascoltando la predicazione svogliata di un profeta come Giona, ma oggi voi ascoltate me che sono il Figlio di Dio e ne rimanete indifferenti.

O ancora: la regina del Sud ha divorato chilometri di strada per sentire parlare Salomone con parole di buon senso, e oggi voi ascoltate me che sono la Sapienza di Dio e fate finta di non sentire. Saranno loro stessi a condannarvi.


..ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona
Marzo: 2021
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031