Come uno che ha autorità

31/01/2021

IV DOMENICA TEMPO ORDINARIO

San Giovanni Bosco

Dio ti benedica !

.

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 1,21-28

In quel tempo, Gesù, entrato di sabato nella sinagoga, [a Cafàrnao,] insegnava. Ed erano stupiti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi. Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui. Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!». La sua fama si diffuse subito dovunque, in tutta la regione della Galilea.

PAROLE DEL SANTO PADRE

La potenza di Gesù conferma l’autorevolezza del suo insegnamento. Egli non pronuncia solo parole, ma agisce. Così manifesta il progetto di Dio con le parole e con la potenza delle opere. Nel Vangelo, infatti, vediamo che Gesù, nella sua missione terrena, rivela l’amore di Dio sia con la predicazione sia con innumerevoli gesti di attenzione e soccorso ai malati, ai bisognosi, ai bambini, ai peccatori. Gesù è il nostro Maestro, potente in parole e opere. Gesù ci comunica tutta la luce che illumina le strade, a volte buie, della nostra esistenza; ci comunica anche la forza necessaria per superare le difficoltà, le prove, le tentazioni. Pensiamo a quale grande grazia è per noi aver conosciuto questo Dio così potente e così buono! Un maestro e un amico, che ci indica la strada e si prende cura di noi, specialmente quando siamo nel bisogno. (Angelus, 28 gennaio 2018)

Commento

“Essi si stupivano del suo insegnamento, perché egli insegnava loro come uno che ha autorità e non come gli scribi”.

Da dove nasce l’autorità di cui parla il Vangelo di oggi? Nasce forse dalla forza degli argomenti? Dalla scelta delle parole? O dall’enfasi con cui vengono pronunciate? Da nessuna di queste cose nasce l’autorità che Gesù esercita sulla gente quando insegna loro. Essa invece nasce da una sensazione prerazionale che ogni persona ha quando ascolta parlare qualcuno.

Infatti tutti abbiamo la percezione se quello che si sta dicendo è detto per convinzione, per verità, o è detto semplicemente perché va detto, per retorica o perché lo si è imparato a memoria. Gesù non ripete idee imparate a memoria, ma annuncia una verità che risuona in ogni angolo del suo essere, del suo corpo, del suo sguardo, della sua voce. Le persone che hanno autorevolezza sono esse stesse il prolungamento di ciò che dicono. Quando una cosa è vera lo si avverte prima ancora di incrociare la logica del discorso.

È questo che Gesù esercitava sulla gente. Ma è proprio l’impatto con la Verità che smaschera il male nascosto dentro di noi: “In quel momento si trovava nella loro sinagoga un uomo posseduto da uno spirito immondo, il quale prese a gridare: «Che c’è fra noi e te, Gesù Nazareno? Sei venuto per mandarci in perdizione? Io so chi sei: il Santo di Dio!»”.

Non dobbiamo spaventarci se quando incontriamo qualcosa di vero, tutto ciò che c’è di falso in noi si ribella. Il male sa che con Cristo non si può scendere a compromessi. Con noi è facile scendere a compromessi, perché a noi molto spesso interessa il quieto vivere, quella pericolosa mediocritas che non ci fa fare troppa fatica e allo stesso tempo non ci fa soffrire eccessivamente.

Ma quando la Parola di Gesù entra dentro la nostra vita allora non si possono più fare compromessi con logiche del genere: “Gesù lo sgridò, dicendo: «Sta’ zitto ed esci da costui!» E lo spirito immondo, straziandolo e gridando forte, uscì da lui”.

Tutti dobbiamo lasciarci esorcizzare dalla nostra mondanità.

Luigi Maria Epicoco

Settembre: 2021
LMMGVSD
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930