Bere il calice

03/03/2021

MERCOLEDÌ DELLA II SETTIMANA DI QUARESIMA

Santa Cunegonda

Imperatrice

Dio ti benedica !

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 20,17-28

In quel tempo, mentre saliva a Gerusalemme, Gesù prese in disparte i dodici discepoli e lungo il cammino disse loro: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perché venga deriso e flagellato e crocifisso, e il terzo giorno risorgerà».

Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Di’ che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno».

Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». Ed egli disse loro: «Il mio calice, lo berrete; però sedere alla mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha preparato».

Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli. Ma Gesù li chiamò a sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dòminano su di esse e i capi le opprimono.

Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. Come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».


PAROLE DEL SANTO PADRE

Gesù, dopo aver ascoltato Giacomo e Giovanni, non si altera, non si arrabbia. La sua pazienza è davvero infinita. (…)

E risponde: «Voi non sapete quello che chiedete». Li scusa, in un certo senso, ma contemporaneamente li accusa: “Voi non vi rendete conto che siete fuori strada”. (…)

Cari Fratelli, tutti noi vogliamo bene a Gesù, tutti vogliamo seguirlo, ma dobbiamo essere sempre vigilanti per rimanere sulla sua strada.

Perché con i piedi, con il corpo possiamo essere con Lui, ma il nostro cuore può essere lontano, e portarci fuori strada. (Omelia Concistoro Creazione Cardinali 28 novembre 2020)

Fonte: vaticannews.va


COMMENTO DI DON LUIGI MARIA EPICOCO

Paura

Fonte: nellaparola.it

«Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perché venga deriso e flagellato e crocifisso, e il terzo giorno risorgerà».

Queste parole segnano in maniera profonda l’intimità che Gesù costruisce con i suoi discepoli mentre si avvicina a Gerusalemme.

Infatti l’intimità non nasce semplicemente dal passare del tempo insieme, o dal fare delle cose insieme, ma dal consegnare all’altro ciò che di più vero e decisivo accade nella nostra vita.

Non di rado pensiamo di avere molti amici, ma l’amicizia vera non è intrattenimento, non è parlare sempre di banalità ma è poter entrare in intimità con l’altro, e ciò accade nella misura in cui si è capaci di discorsi profondi. Gesù sembra fare con i suoi discepoli esattamente questo.

Nel Vangelo di oggi consegna loro una grande verità profonda della sua vita. Ma la reazione è strana:

“Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: «Che cosa vuoi?».

Gli rispose: «Di’ che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno».

Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?»”.

Come è possibile che davanti alla consegna più intima di Gesù la reazione di chi gli sta intorno è accaparrarsi i posti migliori, secondo una logica mondana che non ha nulla a che fare con ciò che Cristo è venuto ad annunciarci?

Non viviamo anche noi oggi la medesima tentazione?

Non sembra che nelle nostre famiglie, nei nostri posti di lavoro o nelle nostre comunità cerchiamo solo di cercare una nostra convenienza senza prendere sul serio il cuore stesso del messaggio di Gesù?

Ma credo che tutto ciò accada come un meccanismo inconscio di difesa. 

Abbiamo paura della croce.

Abbiamo paura di prendere sul serio le parole di Gesù, e per questo preferiamo vivere per cose banali, mondane, lontane dallo spirito del Vangelo.


..Di’ che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno..
Dicembre: 2021
LMMGVSD
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031